Il business del risparmio

Tempo di lettura: 2 min

Indice

I circuiti convenzionati rappresentano un settore in rapida espansione e una risposta alla necessità di risparmio che l’attuale crisi ha determinato in molti consumatori.

Negli ultimi due anni, la crisi ha reso evidente a tutti quanto sia necessario evitare gli sprechi e cercare di risparmiare quanto più possibile.

Per questo motivo è emersa come idea vincente quella del circuito convenzioni, che unisce quante più aziende disposte a proporre sconti a quanti più possibili clienti, creando un circolo virtuoso tra risparmio per l’acquirente e maggiore volume di vendita per il proponente.

Il circuito di Azienda Amica è uno dei più diffusi e coinvolge diverse attività: dai negozi di ogni genere ai professionisti (avvocati, architetti, medici) ai ristoranti alle scuole e ai grandi marchi (Alpitour, Nh Hotel, Maggiore, solo per fare qualche esempio), offrendo ai possessori dell’Amica Card i prodotti e servizi più disparati a tariffe agevolate.

E la sua prerogativa è la capacità di ampliare continuamente tale bacino di clienti, supportati da una comunicazione chiara e trasparente fornita dal sito Internet, da una newsletter e da una guida cartacea.

Risparmiatori allettati non solo dagli sconti, ma anche dall’idea di far parte di un circuito esclusivo che ha nella soddisfazione del cliente il suo più importante obiettivo.

Per rispondere alle esigenze di un numero crescente di risparmiatori (il traguardo dei due milioni è tutt’altro che lontano), Azienda Amica ha bisogno di avere sempre più aziende propense all’adesione. Aziende che capiscano il momento economico attuale e siano disposte a stipulare accordi reali di convenzione per essere così promosse presso i soci e attraverso i media del circuito.

Aderire al circuito non comporta investimenti, ma solo un rimborso spese (gestione, inserimento nel portale ecc.) di 365 euro per cinque anni.

Un’opportunità di affiliazione interessante, quindi, sia per liberi professionisti sia per titolari di società o negozi in franchising.

Per informazioni clicca qui