Nel franchising esiste anche un Sud che cresce

Tempo di lettura: 2 min
ifa franchising

Indice

L’osservatorio sul franchising e il retail a cura di Confimprese.

Buone le previsioni delle catene Confimprese in Campania: 50 aperture e restyling dei negozi esistenti per i key driver del 2015.

Non mancano le aperture al Sud da parte delle catene Confimprese, in particolar modo in Campania, dove si concentra la maggior parte dei retailer fashion: delle 732 totali previste per il 2015 in Italia il 23,3% è coperto dal settore abbigliamento e di questo circa il 20% è nel Sud Italia.

Qualche nome? Pianoforte Holding che, con i marchi Yamamay, Carpisa e Jaked nel 2015 aprirà 18 negozi in Campania e nel Sud Italia.

Ambiziosi i piani di Camomilla Italia, che fa capo a C.M.T. Compagnia Manifatture Tessili guidata dalla famiglia napoletana Pierro. Il brand, che presenta una distribuzione capillare nella regione campana, sta privilegiando una politica di restyling degli store.

I punti vendita interessati sono quasi tutti su Napoli, in via Monte Oliveto, via Toledo, via Scarlatti e in provincia, a Maddaloni (Caserta gestione in franchising), nel centro commerciale Campania-Marcianise, in corso Trieste a Caserta, nel centro commerciale Vulcano (Nola-Napoli) e nel centro commerciale Quarto Nuovo (Na).

A ciò si aggiunge l’ottimizzazione della rete vendita per trasformare gli store diretti in franchising, come quelli di Ischia e di via Epomeo a Napoli.

Quanto alle nuove aperture si segnala un nuovo store di 120 mq alla stazione Garibaldi all’interno della galleria Ipogea. Piazza Italia, controllata dalla famiglia partenopea dei fratelli Bernardo, al Sud conta già su una presenza ben radicata grazie alla sua matrice partenopea.

Continuerà a sviluppare la rete di vendita soprattutto nei centri storici con l’apertura di una decina di grandi store.

La napoletana Original Marines prevede al Sud almeno 3 aperture, cui si aggiunge un’azione di riqualificazione di negozi già esistenti.

Il gruppo partenopeo, che fa capo alla Holding Imap Export fondata dagli imprenditori napoletani Angelo Pera e Vittorio Di Vincenzo, ha stanziato un investimento di 5 milioni di euro per il restyling di 60 punti vendita sia di proprietà sia in franchising: un nuovo concept store con arredi diversi, colori più tenui (dal bianco al legno) e maggiore spazio dedicato alle scaffalature per la merce.