Ottobre 2011

Tempo di lettura: 2 min

Indice

Rinnovi delicati.

La domanda:

Da più di quattro anni sono affiliato a un network. È l’ultimo anno di contratto e nei prossimi giorni devo decidere se rinnovare. La mia intenzione sarebbe di continuare, però l’azienda mi ha sottoposto condizioni contrattuali peggiorative, in particolare una riduzione di area di esclusiva. Lo possono fare? Come mi devo comportare?

Lettera firmata – Udine

La risposta del nostro esperto Luca Fumagalli:

Il momento della riconferma del contratto di franchising al suo termine è sempre molto critico per entrambe le parti, franchisor e franchisee. Per quanto riguarda la durata, la legge prevede un minimo di tre anni, ma spesso capita che i candidati negozino una riduzione della durata, per potersi liberare prima dei “vincoli” contrattuali.

Ci sono pro e contro. È vero che se le cose vanno male può essere più complicato oppure più costoso uscire da un contratto lungo. Ma quando la collaborazione è vincente risulta più conveniente per l’affiliato un contratto duraturo, che mantenga inalterate più a lungo possibile le condizioni iniziali, spesso più favorevoli rispetto a quelle proposte successivamente.In ogni caso l’andamento di una trattativa di rinnovo è determinata dalla volontà e dal potere contrattuale delle due parti.

Un franchisor forte, con un progetto vincente, può approfittare di un rinnovo, come è successo al nostro lettore, per proporre condizioni meno vantaggiose o riequilibrare situazioni di disparità rispetto agli affiliati più recenti. L’affiliato, a sua volta, di fronte a un affiliante debole o in difficoltà, può negoziare condizioni a lui più vantaggiose.

Naturalmente nella trattativa pesano numerosi elementi, non esclusivamente economici. Un affiliato che si è sempre comportato correttamente nei confronti dell’affiliante e del progetto, è un bene estremamente prezioso per l’azienda. Il franchisor in questo caso cercherà di rendere il rinnovo può agevole e vantaggioso possibile per il franchisee. Viceversa, un franchisee ipercritico, scorretto, con modesti risultati, si troverà al rinnovo con meno potere negoziale.

In conclusione, al rinnovo si arriva con tanti elementi di valutazione a disposizione e con tutta la forza o la debolezza dei rispettivi comportamenti negli anni precedenti. Su questa base si può imbastire una trattativa, il cui esito è soprattutto legato alla volontà o meno di proseguire delle parti. Hai dubbi da chiarire ? Invia gratuitamente le tue domande direttamente ai nostri esperti.

Le più interessanti saranno pubblicate in questa sezione di Fanchising City. La sezione l’esperto risponde è una sezione di Franchisng City dove gli utenti lasciando le proprie domande possono ricevere riscontro da parte di un nostro esperto.